La fillagrina costituisce una sorta di adesivo e nello stesso tempo un impermeabilizzante della cute, il quale impedisce agli agenti estranei di entrare e all'acqua di evaporare. La carenza di fillagrina rende la cute più sensibile alle  infezioni. Può succedere anche che le particelle più come i pollini riescano a  penetrare negli strati del derma e rimanervi intrappolati, stimolando il sistema immunitario. Sono quest'ultimi a  scatenare le reazioni allergiche croniche, che rendono la cute molto più reattiva e sensibile alle infezioni croniche. Nei soggetti atopici infatti l'arrossamento ed il prurito sono i sintomi più comuni. I soggetti malati hanno un estremo prurito che li porta a leccarsi di continuale le zampe, che sono parti che raggiungono facilmente. Non é raro infatti che la maggior parte dei cani atopici abbia una dermatite da leccamento delle zampe. Quindi questa malattia è a metà fra un problema strutturale della cute ed  una malattia allergica. Oggi, grazie ai nuovi farmaci attivi contro il prurito, possiamo avere in moltissimi casi risultati stupefacenti. I risultati spettacolari che otteniamo con i nuovi farmaci non sono frutto di protocolli miracolosi, ma di un attentissima gestione del paziente veterinario, che viene visitato settimanalmente fino alla completa scomparsa dei sintomi e successivamente seguito mensilmente per scongiurare le recidive. Dott

 

Gianluca Barbato Specialista in Patologia e Clinica degli Animali d'Affezione Perfezionato in Dermatologia Veterinaria

  Chiamaci 0931 45 35 06  

This site was designed with the
.com
website builder. Create your website today.
Start Now